Il libro

SOPRAVVIVERE A SE STESSI. LIBERI DAL CANCRO

Enrico VarrialeTra gli imprescindibili pilastri su cui poggiano la società occidentale contemporanea e il conquistato e diffuso (sebbene di certo non universale: molte sono infatti ancora oggi le zone d'ombra) benessere che la caratterizza, tre ci sembrano, in particolare meritare una riflessione, in quanto spesso oggetto di attenzione nella quotidianità:

• la formazione: sotto questa termine "ombrello" si colloca tutto il percorso scolastico che va dalla scuola dell'infanzia fino al dottorato di ricerca e oltre, includendo quindi anche la ricerca scientifica propriamente detta, tanto nell'ambito delle scienze dure e delle tecnologie quanta in quello delle scienze molli. L'innalzamento del livello culturale medio (che in concreto ha coinciso con la maggior diffusione di titoli di studio sempre più alti per un numero sempre pili vasto di persone) ha portato al miglioramento delle condizioni di lavoro e, in genere, della qualità della vita e rappresenta le basi per il futuro;

• la mobilità: le società occidentali del secondo dopoguerra hanno assistito a un vero e proprio boom della facilità di movimento e di comunicazione degli individui, tanto in senso "fisico" (dapprima in una dimensione locale e poi sempre più su scala globale) quanta in senso "virtuale" (dal telefono a Internet, passando per il cellulare e le trasmissioni via satellite). Non solo la mobilità e le comunicazioni sono diventate più accessibili, ma pure più democratiche, nel senso che anche gruppi sociali ai quali erano precluse in passato, ne possono oggi godere in modo organico e non vi e dubbio che il confronto, diretto o diretto, che ne deriva abbia portato a una crescita intellettuale, culturale e socio-economica senza precedenti nella storia dell'umanità;

• la salute: l'allungamento della vita media e il miglioramento della sua qualità per un periodo più lungo passa attraverso la possibilità per un numero sempre più vasto di individui di accedere a servizi socio-sanitari di alto livello.

A ciascuno di questi macro-ambiti fa capo una complessa rete di servizi che interagiscono tra loro e trasversalmente rispetto ai diversi ambiti. Per quanta riguarda la formazione i servizi sono offerti dalla scuola pubblica di tutti gli ordini e gradi, dall'università, dai centri culturali, dalle accademie, dai musei, ecc. I servizi relativi alla mobilità sono offerti dai trasporti pubblici (bus, treni, aerei, ecc.) sul versante "fisico", e dalle società di servizi tecnologici (compagnie telefoniche, Internet provider, Skype, ecc.) sul versante "virtuale". Infine, a offrire servizi nell'ambito socio-sanitario sono gli ospedali, le case di cura, i servizi sociali e, spesso, associazioni di volontariato.

Per ragioni che non approfondiremo qui, in tempi di crisi sono in genere proprio i servizi relativi a questi tre contesti a venire penalizzati, o comunque ridimensionati in qualche misura, sia per quanta riguarda e strutture sia per quanta riguarda le persone che vi operano. Questo atteggiamento, che si riflette in scelte molto concrete sul piano della gestione della cosa pubblica, malgrado differenti sfumature pare per lo più trasversale rispetto al colore delle schieramento politico al governo, e molto spesso va ad intaccare il versante "umano" dei servizi erogati, con conseguenze talvolta anche molto gravi, specie per quanta riguarda l'ambito socio-sanitario.

E la consapevolezza di questa deficienza che ha mosso gli autori del libro che qui presentiamo a prendere spunto dalla loro dolorosa, ma formativa esperienza tanto personale quanta professionale per suggerire, in modo rigoroso, ma non per questa pesante o pedante, alcune interessanti proposte allo scopo di ovviare a un problema sempre più sentito dagli utenti del servizio socio-sanitario italiano.

Gli autori, Massimo Tosini e Maria Pia Gallo, marito e moglie, entrambi sociologi, ma prima ancora ambedue da anni operatori del Servizio Sanitario Nazionale presso l' Azienda Sanitaria

Locale n. 18 di Rovigo in qualità di tecnici radiologi, sono profondi conoscitori del sistema, dei suoi punti di forza e di debolezza. A questa grande competenza e conoscenza "dall'interno" della struttura, dal 2008 hanno, loro malgrado, cominciato ad aggiungere una conoscenza "dall'esterno", in qualità di fruitori del servizio, come conseguenza del fatto che a Tosini e stato diagnosticato un carcinoma squamoso polmonare. E proprio grazie a questa visione "a tutto tondo" che il volume offre una prospettiva per molti aspetti innovativa su un tema difficile e complesso: la "ri-umanizzazione" e il conseguente miglioramento dei servizi erogati. Sembra infatti che, a fronte di un incremento delle tecnologie mediche sia diagnostiche che curative e degli indiscutibili progressi scientifici, si stia assistendo anche ad un incremento della distanza medico-paziente, a un deterioramento del dialogo tra struttura e suo fruitore, col risultato che il malato viene talvolta considerato alla stregua di un numero o di un "caso", ben lantana quindi da quella visione olistica che ne garantirebbe una migliore risposta terapeutica.

Nel primo capitolo dal titolo "Un figlio del carosello", Massimo Tosini traccia la propria autobiografia. Se si trattasse semplicemente di un'auto riflessione innescata dalla più che comprensibile necessita di ripercorrere la propria esistenza in un momento di difficoltà come quello della scoperta di essere affetti da una grave patologia, il capitolo, pur interessante, non avrebbe tuttavia forse molto di originale. Ma in realtà Tosini non si limita a questo e, con acume e profonda capacita di analisi riesce a muoversi contemporaneamente su più dimensioni e piani che si intrecciano in ogni istante della narrazione: la propria esperienza di vita viene infatti descritta nel contesto storico e sociale del Polesine, dell'Italia e dell'Europa dagli anni Cinquanta del Novecento in poi, evidenziando per ciascun momento il rapporto coi fenomeni culturali ed economici che hanno caratterizzato gli ultimi cinquant' anni. Ne emerge uno spaccato pluridimensionale che, in una concezione quasi cinematografica, alterna visioni panoramiche a primi piani, tanto personali quanta collettivi, tanto sul piano privato quanta su quello professionale. Lo stesso titolo, forse inconsapevolmente, pare rimandare a questa modalità "televisiva" da un lato, e dall' altro a delineare le basi di una personalità frutto di un'epoca di enormi cambiamenti sociali e culturali, in cui l'ltalia da paese agricolo e povero, diventa un paese industriale e ricco. Come spesso con ogni cambiamento, anche questa e accompagnato da dolore e da sofferenza che, sempre pluridimensionalmente, portano comunque ad una crescita sociale e personale, fino all'estremo del passaggio "dal camice al pigiama". Ben lungi dal cadere nell' autocommiserazione, l' autore sfrutta semmai la propria esperienza di vita presente e passata per una prima riflessione sui meccanismi e sui difetti del sistema sanitario, da ambo le sponde di operatore e paziente, con cui pare quasi predestinato a doversi confrontare.

Con il secondo capitolo, "il sistema socio-sanitario nell'era del digitale", l'analisi si fa più strettamente sociologica. Dopo una breve disamina storico-legislativa, vengono sollevate alcune questioni di grande attualità e rilevanza riassumibili nei tre punti:

1. il processo di umanizzazione delle tecnologie;

2. la riduzione della distanza tra l'uomo e la macchina;

3. la coltivazione del rapporto faccia a faccia nell'agire sociale in generale, ma soprattutto in ambito socio-sanitario perchè la tecnologia non deve sostituire tale modalità relazionale.

Ciascuno di essi viene quindi approfondito anche mediante il ricorso a fonti autorevoli, arrivando ad analizzare il molo del fruitore del Servizio Sanitario N azionale come "paziente, utente o cittadino". Il tema si snoda in funzione dei due principali tipi di comunicazione (interpersonale e pubblica) possibili a seconda della prospettiva da cui si considera il fruitore e vengono di conseguenza delineati con chiarezza percorsi per il miglioramento del rapporto (e pertanto del servizio stesso reso) tra gli interlocutori, ipotizzando, in una logica olistica ed empatica, non tanto l'istituzione di
nuove figure o soggetti creati ad hoc, ma piuttosto una riorganizzazione (e la relativa consapevolizzazione) dei ruoli e della formazione di quelli già esistenti. Il grande vantaggio di questa proposta sta, a nostro avviso, nella capacita di non richiedere investimenti finanziari (così ardui da ottenere oggi, in un'epoca, come accennato, di "tagli" e ridimensionamenti), ma solamente "umani" e in pratica "a costo (monetario) zero", ma dalla grande ricaduta ottimizzante dell’esistente.

Il terzo ed ultimo capitolo, dovuto a Maria Pia Gallo, dal titolo "La scoperta: 22 settembre 2008", sposta la prospettiva da chi vive il dramma sulla propria pelle e cerca pero di "sfruttarlo", quasi di vivisezionarlo in maniera "galileiana", come riesce a fare Tosini, a chi lo vive a stretta distanza e, pur condividendone molte delle emozioni e degli stati d'animo, deve essere in grado di mantenere quella oggettività e quella "empatia fredda" che sole possono garantire il superamento anche dei momenti di maggiore difficoltà. Si tratta, a nostro avviso, di un piccolo capolavoro, il cui fil rouge e rappresentato da una vena di sottile ironia, che mai scivola nel cinismo, su cui si innestano addirittura spunti poetici (fra tutti ci limitiamo a citare la riflessione sui conigli che scorazzano nel parco dell'Istituto di Ricerca, Ricovero e Cura a carattere scientifico). Sembra quasi che l'autrice attui quanta invocato nel precedente capitolo, dimostrando come sia possibile essere vicini ma oggettivi, empatici ma obiettivi.

Dato il già sottolineato meccanismo quasi cinematografico con cui l'esperienza umana e professionale di Tosini e Gallo e la relativa riflessione sociologica che essa innesca sono presentate, vorremmo concludere questa presentazione prendendo spunto dal titolo di un film di Carlo Mazzacurati di qualche anno fa, ambientato proprio nella suggestione e nell'incanto di quel Polesine che fa da sfondo, almeno in parte, alla vicenda di questo libro: ci riferiamo a quella "giusta distanza" che pare necessaria per umanizzare i servizi di uno dei tre pilastri delle società civile contemporanea cui accennavamo in apertura, quel sistema sanitario che a volte invece da 1'impressione di essere troppo concentrato sulla pur indispensabile dimensione scientifica e tecnologica, a discapito pero della dimensione umana. Solo dal giusto equilibrio tra questi due poli, sembrano suggerire Gallo e Tosini con piena cognizione di causa e maestri a narrativa, può scaturire un nuovo e più efficace modello di comunicazione tra individuo e sistema e quindi, in ultima istanza, un ulteriore ed auspicabile progresso sociale, che fonda sì le sue radici nella società contadina di un tempo, ma le adatta e le reinnesta nella complessità di quella digitale odierna.

Matteo Santipolo
Università degli Studi di Padova