19 ottobre 2017

Chies e le sue montagne - Luis Trenker


Luis Trenker, tra nuovole e rocceLa morte di Maudi De March, caduto con due compagni durante una scalata nel Gruppo del Cridola nell'agosto 2012, ha segnato una grave perdita per la cultura bellunese. Insegnante, giornalista coscienzioso e preciso, scrittore raffinato, organizzatore di eventi e animatore culturale, De March ha lasciato, tra le altre cose, la sua importante tesi di laurea su un grande personaggio della storia della montagna, Luis Trenker (Ortisei 1898 – Bolzano 1990).

Ora, grazie all'impegno di tanti che lo hanno conosciuto e stimato, questa tesi è diventata un libro, pubblicato dall'editore Cierre di Verona e con la prefazione di Gian Piero Brunetta e l'introduzione di Marco Perale, che rappresenta un contributo significativo alla conoscenza della complessa figura di Luis Trenker.

Nel libro “Cinema e montagna - Luis Trenker tra nuvole e rocce”, in particolare, Maudi De March analizza alcune costanti significative dell'opera di quello che è ritenuto l'inventore del bergfilm (espressione in realtà riduttiva, visti i diversi generi in cui Trenker si è cimentato, dal western al film storico, a quello di esplorazione, alle storie d'amore, ai documentari). Come l'intuizione del ruolo delle nuvole, una presenza ripetuta in tutte le opere e carica di significato, nuvole giustamente citate nel titolo del volume. Oppure la conclusione di ogni vicenda filmica con il ritorno a un ordine generale, anche se spesso non coincidente con la situazione iniziale. Un ordine che rappresenta un modello del rapporto uomo – montagna, spesso, al di là del caos che di volta in volta è rappresentato dalla guerra, dalla competizione alpinistica, dalle pulsioni giovanili verso un altrove spesso deludente.

A presentare la figura di Maudi De March e a descrivere il contenuto del libro sarà il dott. Marco Perale.

Appuntamento giovedì 19 ottobre, ore 21, sala polivalente di Lamosano.

 

Stampa Chiudi finestra